ITnews homepage

Social tools
ITnews-letter
  
Rubriche
Agenzie
 

Veicoli elettrici: IBM sviluppa batterie con litio e aria

Autonomia sino a 800 Km di percorrenza. Non saranno prodotte prima del 2020

domenica 15 gennaio 2012


(ITnews) - Roma

Teoricamente le auto elettriche sarebbero già pronte per essere messe in produzione in serie. Potrebbero cioè già invadere il mercato di massa ma non brillano per efficienza e presentano ancora alcuni problemi dal punto di vista tecnico. Uno di questi è legato appunto all’autonomia. Un veicolo elettrico al momento non può effettuare lunghi viaggi senza ricaricarsi a causa della (relativamente) bassa durata delle sue batterie.

Fino ad ora in queste auto sono state usate batterie di tipo Li-ion (agli ioni di litio), che sono voluminose e difficilmente riescono a dare autonomia per più di 160 Km, ma IBM sta pensando ad una soluzione alternativa.  L’azienda americana ha dichiarato infatti di aver risolto questo fondamentale problema, riuscendo a sviluppare un tipo di batteria alternativa in grado di non scaricarsi prima di 800 Km di percorrenza.

Questo nuovo tipo di accumulatore, denominato “lithium-air cell”, (a cella d’aria e litio) desta molto interesse in quanto appare più efficiente: potenzialmente cioè riuscirebbe ad avere una densità di 1000 volte superiore del tipo agli ioni di litio. Al suo interno, nell’elettrodo positivo, al posto degli ossidi di metallo viene usato il carbone che è decisamente più leggero e per produrre corrente elettrica reagisce con l’ossigeno presente nell’aria.

 IBM_Battery500.gif

Ma quando saranno pronte queste nuove batterie? E quando andranno in produzione? Difficile dirlo. Purtroppo non sarà possibile vederle montate su auto elettriche molto presto. Questo progetto di IBM è ancora in via di sviluppo in quanto presenta ancora qualche problema.

Secondo Winfried Wilcke – un ricercatore dei laboratori californiani di Almaden di IBM - una certa instabilità chimica non rende queste batterie del tutto affidabili; in fase di ricarica infatti si verifica un fenomeno che va a minare la durata della loro stessa vita, per cui al momento non posso ancora essere utilizzate per applicazioni pratiche. Il problema consiste nel comportamento dell’ossigeno che pare reagire non solo con l’elettrodo di carbone ma anche con il solvente elettrolitico, ossia con la soluzione all’interno della quale si spostano gli ioni di litio quando fanno la spola tra un elettrodo e l’altro.

Al fine di superare questo intoppo chimico Wilcke ha lavorato con il suo collega Alessandro Curioni, del laboratorio IBM di Zurigo, alla realizzazione di modelli estremamente complessi, aiutandosi con un computer dalla elevata capacità di calcolo: il Blue Gene. L’obiettivo dei due ricercatori era conoscere in profondità i meccanismi delle reazioni chimiche all’interno della cella. Proprio per questo per i loro studi hanno fatto ricorso persino a forme di modellazione atomica basate sulla meccanica quantistica.

Wilcke e Curioni sono ottimisti. Procedendo con questo metodo sono riusciti finalmente a trovare quello che cercavano. I risultati ci sono ma non posso essere rivelati in dettaglio, almeno per il momento. Probabilmente il solvente elettrolitico sarà modificato.  Per le batterie ad aria e litio in futuro verranno usati elementi differenti ma le aziende coinvolte – IBM in testa - preferiscono non rivelare fino in fondo i risultati delle loro ricerche - ovviamente per questioni di vantaggio competitivo. Nella coalizione denominata “Battery500” comunque non fa parte solo Big Blue; tra i componenti di questo gruppo di studio e sviluppo vanno annoverati anche quattro laboratori statunitensi e alcuni partner commerciali.



Il processo che porterà dagli studi in laboratorio a un prodotto finito è molto lungo. Un prototipo in scala 1:1 di batteria ad aria e litio dovrebbe essere realizzato entro il prossimo anno. Per una versione commericiale, invece, bisognerà attendere sino al 2020. Ci sarà bisogno, insomma, di oltre un decennio perché questa innovazione divenga operativa. Ma l’attesa vale il risultato, soprattutto se è vero che nel momento in cui queste nuove batterie saranno montate sulle auto elettriche, questo tipo di veicolo potrà competere ad armi pari in quanto ad efficienza con le macchine a benzina, diesel, GPL o metano.

Nicola Smeerch Bruno

Notizie correlate
  IBM realizza memorie PCM 100 volte più veloci delle Flash
  IBM e ARM insieme per una CPU a 14 nm
  Le componenti Open Source mature per le banche
Commenta questo articolo e condividilo con i tuoi amici

Ultime notizie
29/06/2013 13:13 L’app di Facebook rubava i numeri di telefono degli utenti
26/06/2013 18:25 Leef presenta il primo drive USB a doppio connettore
25/06/2013 00:19 Corea del sud: test sullo streaming online dei film ancora nei cinema
22/06/2013 10:26 Facebook: un bug colpisce i dati di 6 milioni di utenti
20/06/2013 16:20 Tutte le auto saranno davvero connesse alla rete mobile entro il 2025?
18/06/2013 17:57 GEAK Ring: tecnologia NFC compressa dentro un anello
14/06/2013 21:13 UNU: il tablet Android che è anche una consolle
11/06/2013 20:37 Apple: in autunno arriverà iOS 7
08/06/2013 21:30 Anche AMD produrrà chip per Android
06/06/2013 16:19 Computex 2013: tre nuovi smartphone Android da GSmart
03/06/2013 23:42 Nuovo ibrido da Asus: ecco il Transformer Book Trio
31/05/2013 19:42 Samsung venderà presto anche un Galaxy S4 Mini
29/05/2013 00:35 Il nuovo browser di Opera si chiama Next
27/05/2013 14:50 Innodisk svela dischi allo stato solido grandi quanto francobolli
21/05/2013 21:16 Jolla: primo smartphone con Sailfish OS entro il 2013

 
hosted by NICEWEB
ITnews. Copyright (C) 1999-2014 NICE S.r.l. Riproduzione riservata.
Il portale ITnews è realizzato a Roma da NICE S.r.l, Piazza del Popolo 18 - P.IVA 05124321000 - ROC 11637
Reg. Trib. Roma n.209/2004 - ISSN 1723-7351 - Editore e proprietario: NICE S.r.l. - Direttore responsabile: Ettore Gerardi
CHI SIAMO   |  CONTATTI   |  NOTE LEGALI   |  PRIVACY